Green Marketing: il circolo virtuoso fra mercato ed ambiente

 In Attualità, Economia, Energia e ambiente

Negli ultimi anni abbiamo cittadini sempre più attenti ai temi ambientali, ma le aziende cosa stanno facendo?

Chiaramente i più grandi interventi riguardano grosse imprese, poiché oltre ad avere un impatto più significativo sono le uniche a potersi permettere un simile esborso. Questo è anche un invito a far crescere le dimensioni delle imprese italiane, attualmente troppo piccole.

Per ridurre dunque le dimensioni del problema le multinazionali di tutto il mondo stanno agendo senza “l’aiuto” del governo, e l’aumento d’imposte non farebbe altro che ridurre le possibilità di intervento da parte di amministratori e manager.

Vediamo qualche esempio:

La KLM, un’azienda di trasporti aerei tedesca, nel giugno 2019 ha lanciato la campagna pubblicitaria “Fly responsibly” nella quale invitava i viaggiatori di tutto il mondo ad utilizzare l’aereo, veicolo alquanto inquinante, solo quando necessario, per ridurre le emissioni. Inizialmente può sembrare controproducente, ma la trovata dell’azienda è stata geniale. Attraverso quello spot, la KLM venne vista come eco-friendly e la pubblicità diventò così un modo per distinguersi dalle altre compagnie, invogliando le persone ad imbarcarsi su di un loro volo.

La Barilla, azienda italiana famosissima in tutto il mondo, da pochi anni ha lanciato il suo piano green che prevede un significativo aumento del grano e delle materie prime acquistate in Italia. Questo perché eliminare lunghi trasporti riduce notevolmente l’impatto ambientale dei loro prodotti, seppur a fronte di una spesa maggiore, che però verrà ampiamente ricompensata da un aumento del fatturato.

Google e Apple, due multinazionali dell’high-tech, si sono impegnate entrambe a ridurre le emissioni dei propri stabilimenti entro pochi anni, attraverso l’utilizzo di energie rinnovabili e dialogando anche con i loro fornitori asiatici, i quali di pari passo diventeranno anch’essi green.

Tutte queste aziende (ve ne sono molte altre) hanno aumentato le proprie spese, ma ciò oltre ad aiutare l’ambiente comporta un appeal nei confronti dei clienti di tutto il mondo, che divengono più propensi alla fidelizzazione, acquistando quindi maggiori fette di mercato.

Il rapporto fra ambiente e mercato è quindi in forte miglioramento: questo per via del circolo virtuoso dovuto al Green Marketing.

Questa sana competizione porta avanti una fortissima collaborazione fra produttori, consumatori e Pianeta, la quale è benefica per tutte e tre le categorie. Le imprese, e soprattutto le multinazionali, non sono quindi da ostacolare bensì sarà il consumatore, in grado di scegliere fra diversi prodotti, ad inserire una variabile in più, la sostenibilità.

Recommended Posts

Leave a Comment

0